Il Giardino della Vale

Piccoli suggerimenti per intossicarci meno!

Balsamo al cacao 17 gennaio 2012

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 4:09 pm

(FOTO DAL WEB)

Questo è proprio facilissimo servono solo 3 cucchiai di yogurt intero bianco e 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere. Mescolate insieme e applicate dopo lo shampoo, lasciatelo su un po’ di minuto, più che potete (anche 10/15 minuti).

Nutre, ammorbidisce e districa. Potreste anche aggiungere un po’ di balsamo normale insieme (possibilmente senza siliconi o altro schifo), ma sinceramente io ho preferito di no. O le cose si fanno naturali totalmente oppure si continua ognuno coi propri prodottini cancerogeni. 😉

A proposito, ancora non vi ho scritto qui che sarebbe opportuno che con la santa pazienza prendeste ogni vostra singola crema, shampoo, balsamo ombretto, mascara e consutaste gli ingredienti, mettendo ogni componente in questo sito…www.biodizionario.it, così magari avete meglio idea di cosa ci mettiamo addosso.

P.S. Non vi spaventate…a tutto c’è rimedio…basta non comprare più ciò che ci fa male. Semplice no?

P.P.S. Cercavo su google una foto di “capelli spettinati” da inserire qui e mi è uscita una sfilza di foto di modelle e attrici che saranno state circa 4 ore dal parrucchiere. Ma google i capelli spettinati sa cosa sono? (Quindi ho optato per una con lo yogurt)

Annunci
 

Scrub al cocco (cocco, cocco e ancora cocco!)

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 3:51 pm
Tags:

Chissà Francesca Dragoni cosa ha fatto con l’acqua biancastra e la farina di cocco strizzata che sono rimaste dopo aver fatto il burro di cocco? Mi sa che le ha buttate…dovevo avvisare prima di questa cosa meravigliosa che potete fare…

Con la farina di cocco ormai asciutta e strizzata potete fare uno scrub aggiungendo 1 cucchiaio di zucchero di canna, 1 cucchiaio di olio di mandorle dolci, 1 cucchiaio di olio di jojoba, 1 cucchiaio di miele, 1 cucchiao di latte di soia.

Siccome io sono un po’ grezza e soprattutto non ho ancora tutto il necessario per la sopravvivenza cosmetica, al posto dei due olii ho usato solo olio di oliva, e al posto del latte di soia solo del latte normale. Il risultato è stato comunque eccezzionale! Va bene sia per il viso che per il corpo.

Con l’acqua biancastra rimasta dopo aver tolto il burro di cocco, invece, potete fare l’ultimo sciacquo quando lavate i capelli (NON risciacquate di nuovo dopo!)

 

 

Shampoo alla farina di ceci (puzza un po’ ma lava benissimo!)

Filed under: capelli — miacaramiss @ 3:25 pm
Tags: , , ,

(FOTO DAL WEB)

Esperimento già di qualche giorno fa ma ancora non ero riuscita a metterlo giù con calma!

Allora, vi servono 3 cucchiai di farina di ceci, 1 cucchiaio di miele, 2 cucchiai di acqua calda, 1 cucchiaio di aceto, qualche goccia di olio essenziale che più vi piace.

Mescolate tutto insieme e applicatelo sui capelli bagnati come lo shampoo normale, non farà schiuma. Io ero un po’ scettica quando l’ho provato ma al risciacquo quando vi passerete le mani sui capelli faranno quel tipico rumore di capelli sgrassatissimi e pulitissimi.

L’unica cosa “negativa” è che secca moltissimo, perciò chi ha i capelli lunghi e folli come i miei o peggio, sarà meglio che usi un pochino in più di miele e sicuramente un balsamo dopo lo shampoo (ve ne dirò subito uno che ho già provato).

La farina di ceci ha proprietà molto sgrassanti, e penso che per l’odore poco buono (che però non è in realtà una cosa esagerata) forse si potrebbe aggiungere della vanillina, o gli olii essenziali appunto.

Vediamo un po’ chi sarà il primo a provare lo shampoo…

 

Ceretta 2 la vendetta! 9 gennaio 2012

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 7:31 pm
Tags:

Allora! Come dicevo la ceretta non è venuta. Ma non ho mollato, quindi ne ho presa un po’ e l’ho rimessa a cuocere per qualche altro minuto fino a farla diventare brunita. Poi l’ho messa in un piccolo contenitore di alluminio e man mano che si raffreddava si induriva sul serio (non rimaneva consistenza miele come quelle a freddo). Per utilizzarla il giorno dopo l’ho scaldata a bagnomaria…FUNZIONA!

Il problema è l’applicazione, sono ormai abituata al rullo con le strisce di carta, veloce, pratico e sempre alla temperatura giusta. Mi ingegnerò per renderla così come la voglio. Intanto, potete seguire tranquillamente la ricetta che vi ho scritto solo allungare un po’ i tempi di cottura e applicarla con la spatola.

 

 

La ceretta…che terribile scoglio! (Ovvero come mangiare un insolito dessert coi peli sulle gambe) 5 gennaio 2012

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 8:01 pm
Tags:

(FOTO DAL WEB)

Mi sono detta subito…”meglio iniziare con una delle cose più difficili da fare in casa…il mostro della ceretta!”. E infatti non è venuta.

Ma non mi sono abbattuta. Iniziamo dalle dosi:

6 bicchieri di zucchero

1 bicchiere di succo di limone

2 bicchieri di acqua

Il tutto l’ho messo in una padella abbastanza grande e l’ho fatto cuocere per circa 45 minuti mescolando di tanto in tanto. Mi sembrava color miele e della giusta densità, così come diceva la ricetta.

Ho lasciato raffreddare un giorno in un contenitore di alluminio (per carità evitate la plastica!) per essere sicura di non ustionarmi!!! Rimaneva morbida come una ceretta a freddo.

Ma messa la ceretta sulle gambe scivolava sul pavimento del bagno fregandosene del suo dovere e del mio impegno! (Tra Madonne e Santi vari!)

Così ho preso un po’ del resto della ceretta e l’ho rimesso in padella facendolo diventare di un colore brunito…messo poi in un altro contenitore si è rappreso…mi dà l’idea che ora funzioni! Sarà da scaldare prima di usarlo a bagnomaria…vi farò sapere l’esito!

Alle brutte il tutto si può usare dopo la doccia come emolliente, e poi si risciacqua.

E POI E’ BUONA! ASSAGGIATELA!

 

Burro di cocco (crema multiuso per viso, corpo, mani e capelli) 3 gennaio 2012

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 9:42 pm
Tags: , , , ,

(FOTO DAL WEB)

Ingredienti: 3 cucchiai di farina di cocco, acqua

Mettere la farina di cocco in una pentolina e versare l’ acqua fino a coprire la farina (non serve moltissima acqua). Portare a bollore per qualche minuto (5 minuti circa), fino a quando l’acqua sarà biancastra e la farina un po’ sciolta.

Versare il contenuto della pentolina in un barattolo di vetro attraverso un passino, prendere il contenuto del passino e passarlo a sua volta nello schiacciapatate per far uscire ancora più liquido da aggiungere sempre nello stesso vasetto.

Lasciare il vasetto con l’acqua bianca filtrata per qualche minuto a temperatura ambiente e poi riporlo in frigorifero per circa un’ora. Vedrete che nel vasetto si sarà separata l’acqua bianca dallla parte più grassa (il burro di cocco), e quando quest’ultima sarà solida allora potrete toglierla con un cucchiaino e riporla in un barattolino possibilmente di vetro. Si conserva circa una settimana fuori frigo, un paio di settimane in frigo. Non ne viene molta con queste dosi proprio perchè non si conserva molto tempo…essendo priva di conservanti! Teoricamente si potrebbe congelare…ma questo devo ancora sperimentarlo!

Con l’acqua rimasta nel vaso ho fatto l’ultimo sciacquo dopo lo shampoo, e con la farina di cocco strizzata invece, uno scrub (sarà la prossima ricetta).

Inutile dire che il tutto ha un profumo buonissimo, e per il burro di cocco ho già esaudito la prima richiesta…quella di mio fratello!

 

Sulla nostra pelle

Filed under: Uncategorized — miacaramiss @ 9:25 pm

Ogni giorno respiriamo ciò che non vorremmo respirare, mangiamo cose che crediamo sane e genuine, beviamo acqua che crediamo pura, e in più ci mettiamo creme e trucchi per mantenerci giovani e apparire più belli ma che in realtà contribuiscono a danneggiare la nostra pelle e la nostra salute.

Dimethicone, Paraffinum Liquidum, Acrylates Copolymer…cosa sono? Sono solo alcune delle sostanze presenti nei cosmetici di nostro usuale consumo. La Paraffinum Liquidum ad esempio è ricavata direttamente dal petrolio…ed è il maggiore componente dell’olio Johnson…quello per i bambini. Usando sostanze tossiche sulla nostra pelle ci esponiamo a malattie come il cancro, oltre a “semplici” intolleranze o allergie, ma tutto ciò è legale.

(foto dal web)

Per questo ho deciso di cominciare a documentarmi e ad aprire gli occhi. Sono solo all’inizio, ma da qualche parte bisognerà cominciare! Così oggi la mia prima produzione…IL BURRO DI COCCO.